ALCUNE NORME PER QUANTI DESIDERANO SPOSARSI IN PARROCCHIA, AL SANTUARIO DI MONSERRATO E NEttA CAPPELLA DI BEGUDA

Addobbo della Chiesa: moderazione e buon gusto. La scetta e ta quantità dei fiori non devono essere motivo di ostentazione di ricchezza.Per la ChÍesa Parrocchiale sono consentiti ifiori sull'altare e ai piedi del medesimo, ai lati del presbiterio, davantiall'ambone (dove si legge la Parola di Dio) e una confezione suigradini. Per il Santuørio dÍ Monserrøto si tenga presente che la Chiesa è piccola e troppi fiori la soffocano. Non sono ammessi fiori sul tabernacolo. Nel caso sia necessario prendere delle misure per confezionare l'addobbo, il santuario è aperto tutte le domeniche dalla la domenica di maggio alla 2a d omenica di settembre dalle ore 15.00 alle ore 18.00. Nel caso di sopralluoghi fuori dell'orario di apertura contattare i referenti del santuario. ln queste tre Chiese non sono ammessi in nessun modo fiori e/o fiocchi ai banchi. I fiorai abbiano cura di portare le confezioni già preparate due ore prima di ogni celebrazione. I fiori rimangono in chiesa e non vengono portativia altermine della cerimonia. 

ll sagrato o piazzale della Chiesa: il sagrato ricorda che gli sposi sono giunti in quel luogo per celebrare il sacramento del matrimonio e non un party americano. Sono proibiti ogni tipo di striscioni (vedi quelli che vanno di moda negli ultimi anni collocati presso le rotonde della città) e al termine della celebrazione si consiglia di abbandonare la triste abitudine di sprecare riso o pasta. Gli sposi prendano previo accordo col parroco delta Parrocchia di n Dalmazzo oer concordare un debito comDenso all'incaricato dalla oarrocchia þer le pulizia del sagrato che dovrà essere pulito nella stessa giornata.

Fotografie: ¡lfotografo prenda accordi con il sacerdote celebrante in modo da intervenire con le fotografie solo nei momenti previsti. Durante la proclamazione della Parola di Dio e la Consacrazione non sono ammesse fotografie. ll fotografo scelto dagli sposi deve aiutare la preghiera e non ostacolarla o spettacolarizzarla. Non gli è permesso entrare in presbiterio o muoversi qua e là in Chiesa.

Coro e musica: coloro che sono incaricati a cantare o a suonare sono chiamati a vivere la celebrazione e aiutare l'assemblea a pregare col canto. La celebrazione del matrimonio non è un concerto e neppure un piano bar. I canti, possibilmente appropriati e liturgici, siano concordati con il sacerdote che presiede la celebrazione nel rispetto delle norme. 

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy